Cefalù, riapre il Pollina Resort

Al via la stagione estiva della struttura che dispone di 345 camere e 963 posti letto. Saranno 95 le persone occupate nel resort (ex Valtur) acquisito da Aeroviaggi e totalmente ristrutturato con investimenti per circa 25 milioni di euro.

scritto da Vincenzo Lombardo

Cinque anni dopo l’addio di Valtur il villaggio di Pollina ha riaperto con l’effige di Aeroviaggi, tour operator siciliano, primo in Sicilia e Sardegna per numero di posti letto.

Ne conta 9.700 distribuiti in 15 villaggi, il Pollina Resort è l’ultimo. Cinque sono in Sardegna. Il fatturato del 2016 è stato di 85,8 milioni con l’ultima acquisizione il T.O. punta ad arrivare a 100 milioni di fatturato con 1 milione di presenze complessive.

Grande stratega dell’operazione che ha visto risorgere il villaggio siciliano tra Cefalù e Tusa, in uno dei tratti di costa più belli della Sicilia, in contrada Rais Gerbi, a Finale, è Antonio Mangia, presidente e fondatore nel 1973 di Aeroviaggi.

Mangia ha raccontato agli ospiti, invitati per l’ouverture la storia che lo ha portato a realizzare questo investimento. L’impegno economico è stato di 25 milioni di euro. Nove sono stati necessari per l’acquisizione della struttura da UniCredit Leasing e sono stati finanziati da Unicredit. “Un prezzo più alto del valore – si è sfatto sfuggire Mangia – dopo l’abbandono di Valtur. La mia valutazione di acquisto era di 5 milioni di euro. L’interesse per questa struttura era alto e abbiamo proseguito”.  L’altro finanziamento di 14 è arrivato da Invitalia, agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti che fa capo al Ministero per l’Economica, con un contratto di sviluppo. Finanziamento in parte a fondo perduto per quasi 5,5 milioni di euro e per la restantea tasso agevolato.

“La bellezza è il vero attore per sviluppare il sud. Può creare risorse quindi Pil, ha detto l’Ad di Invitalia, Domenica Arcuri, presente all’inaugurazione. Il Pollina Resort  è la dimostrazione che il sud, quando gli incentivi messi a disposizione dallo Stato sono efficaci, trasparenti e con tempi certi, può attrarre investimenti e imboccare traiettoria di sviluppo”.

Emozionata il sindaco di Pollina, Magda Culotta, che si è trovata a gestire la chiusura del villaggio durante il suo primo mandato, riferimento economico del territorio. “Chi mi conosce sa, che non mi capita sempre, ma questa è una giornata storica per questo luogo che rischiava di cadere nel degrado e nell’abbandono, e per il turismo del territorio e della Regione. La riapertura – ha evidenziato il sindaco – restituisce speranza e vitalità a una comunità che ha dovuto fare i conti con la perdita di decine di posti”.

Pollina resort impiegherà, nei punti alti della stagione, circa 100 unità. Una settantina arrivano dal territorio. Pochi gli ex Valtur. I quadri dirigenti, invece, arrivano direttamente dal gruppo Aeroviaggi.

L’intervento di restauro è stato realizzato in tempi record. A giugno 2016 l’acquisizione, quindi l’avvio del cantiere durato 7 mesi con 52 imprese e 250 operai. Un impresa memorabile per la Sicilia, coordinata da uno dei figli di Mangia, Marcello che lo stesso presidente ha ringraziato pubblicamente (“ha seguito i lavori con un sorriso motivante”).

“Sono orgoglioso – ha detto Mangia – di dare avvio alla stagione estiva 2017 con l’apertura al pubblico di una struttura che ha fatto la storia di questo territorio, simbolo dell’eccellenza del turismo nella Regione. L’interesse e la curiosità, da parte dei clienti, per il resort sono testimoniati – ha concluso il presidente – dal tutto esaurito registrato per questo primo giorno di apertura al pubblico”.

La struttura si sviluppa su 300 mila metri quadrati, conta 963 posti letto e una capacità ricettiva di 345 camere con splendidi terrazzi che regalano tramonti unici sul mare siciliano. Tanti i servizi, campi sportivi, spiaggia attrezzata che si raggiunge con un ascensore incassato nella roccia (uno dei primi realizzato in Sicilia) discoteca, ristorante panoramico, bar piscina.

 

Link Sponsorizzati
Pollina Resort, Contrada Rais-gerbi, PA, Italia
Scrivi un commento

Post nella stessa Categoria