Ormai tutti ne parlano: ma tu sai cos’è veramente il Metaverso?

Ne sentiamo parlare sempre più spesso, ma sapete veramente cos’è il Metaverso e cosa significa questa parola?

Praticamente ogni giorno sentiamo parlare ormai di questo cosiddetto Metaverso. È nato tutto un po’ come un gioco, come una parola che i ragazzi più giovani sembravano utilizzare quasi come slang.

Metaverso
Siete sicuri di sapere cosa significa Metaverso?

Ma in realtà tutto è nato per un motivo ben diverso e soprattutto molto più serio di un semplice gioco dei ragazzi. Vediamo allora insieme come nasce questa parola e cos’è veramente il Metaverso.

Cos’è il Metaverso?

Spiegato in maniera semplice, il Metaverso non è un luogo fisico dove poter andare con un’auto o un aereo. Ma è un mondo virtuale che viene condiviso tramite web e in cui ognuno di noi può interagire tramite un proprio Avatar. Oggi si pensa che il Metaverso possa essere proprio il futuro di internet e Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, WhatsApp e Instagram ormai racchiusi nel nome Meta, pensa che la direzione da prendere sia questa: una realtà virtuale in cui noi andremo ad interagire.

Per cercare di capire in una maniera più letterale, piuttosto che scientifica, che cosa sia questo universo possiamo identificarlo come un luogo virtuale in cui però anche la realtà che noi conosciamo, in qualche modo, riesce ad entrare. Si possono creare oggetti, acquistare proprietà, andare a concerti, visitare musei… tutto tramite Avatar che ci rappresenta e dei visori 3D che ci permettono di vivere una realtà immersiva.

Le origini della parola

La parola Metaverso, andando proprio ad analizzare nello specifico l’etimologia, deriva dal greco. Meta significa dentro mentre verso è semplicemente l’abbreviazione di Universo.

Non è una novità!

Il concetto di Metaverso non è un’idea completamente nuova. In passato, come racconta il Guardian, il nome “Metaverso” era già comparso nel 1992 in diversi trattati e pubblicazioni legate tutti alla diffusione del romanzo cyberpunk Snow Crash. In seguito, precisamente nel 2003, ci sono stati dei videogiochi, ad esempio, che hanno introdotto questo concetto. Il primo è stato sicuramente Second Life, ma anche più avanti Fortnite, The Sims e Minecraft si basavano proprio su questo concetto. Ossia vivere una realtà virtuale tramite questo Metaverso in cui interagiamo e facciamo delle azioni con gli altri utenti.

A oggi pensare che, da un momento all’altro, l’universo web come lo conosciamo cambi e si basi solo ed unicamente sul Metaverso è un po’ complicato. Ma come spesso succede la realtà in alcuni casi super di gran lunga la fantasia. E allora prepariamoci ad entrare in questa realtà!