Vacanze di lusso a costo zero grazie all’house sitting: l’idea che ti fa vivere da vero vip

Quanti viaggiatori amerebbero trascorrere delle vacanze lussuose, spendendo una cifra pari a zero? Sicuramente ve ne sono tanti, ma ci chiediamo se tutto questo possa essere una realtà. 

Il sogno consiste nel vivere in appartamenti o ville da sogno, luoghi che normalmente non sono accessibili a tutti, ma solo a chi ha la possibilità economica di sostenerne il costo.

Vacanze di lusso a costo zero
House sitting: andare in vacanza alloggiando in immobili di lusso a costo zero – CulTravel.it

Adesso anche chi non ha questa possibilità economica può realizzare il suo sogno. Si chiama “house sitting” e sta cominciando a diventare una vera e propria “moda vacanziera”. Vi spieghiamo meglio di cosa si tratta, per comprendere il motivo per cui possa essere una vera novità per tutti coloro che sognano vacanze lussuose senza spendere un euro.

Il concetto di house sitting e le piattaforme

L’espressione deriva dall’inglese “To House Sit” che significa letteralmente “Prendersi cura della casa”. Il proprietario dell’immobile si assenta e affida la sua gestione a un’altra persona che vi alloggia a costo zero. Si tratta di soggiornare in appartamenti e ville da sogno, senza spendere nulla, ma in cambio bisogna occuparsi di tutto quello che è necessario per la cura dell’immobile. I proprietari sono assenti e l’ospite ha il dovere di occuparsene. Accade che proprietari lasciano completamente la loro casa e a volte anche i loro animali agli “house sitters”, coloro che vi alloggiano a titolo completamente gratuito ma con la responsabilità di curare e controllare.

Ma coma si fa a diventare un house sitter? Ci sono varie piattaforme di house sitting  a cui iscriversi.  Il web e i vari network, con annunci, sono un grande aiuto per fare in modo di mettere in contatto gli owners (i proprietari) con gli house sitters. Su questi siti, i proprietari caricano le foto del loro immobile, di solito meraviglioso e lussuoso, descrivono di cosa hanno bisogno e chi stanno cercando. Coloro che leggono questi annunci, rispondono, proponendosi come la persona adatta a occuparsi della loro casa, in assenza dei proprietari, come se fossero dei custodi veri e propri.

House sitter e animali domestici
House sitter: si occupa anche della cura di eventuali animali domestici presenti in casa – CulTravel.it

Quali sono le piattaforme a cui collegarsi?  Ve ne sono diverse:  Aussiehousesitter (destinazione Australia), Luxuryhousesitting (tanti immobili da sogno), Housecares (ampia scelta di proprietari di immobili), Trustedhousesitter (per tutti gli amanti degli animali con supporto anche da parte di veterinari), Mindmyhouse (con veri e propri contratti stipulati tra il proprietario e l’house sitter)

La sicurezza

Il passo successivo è quello della fiducia. Nel senso che il proprietario – attraverso i profili social, varie ricerche o recensioni in merito – dovrà selezionare quella persona che reputa essere la più responsabile e adatta alla cura del suo immobile prestigioso, alloggiandovi gratuitamente, in sua assenza. Quindi i vari “feed” che vengono lasciati sui profili degli “house sitters” sono importanti. Lo stesso riguarda la casa e il proprietario. Anche i giudizi su entrambi saranno di aiuto all’ house sitter nella sua candidatura. C’è da dire che queste piattaforme di house sitting puntano molto sulla sicurezza per evitare episodi spiacevoli da entrambi le parti (owner e house sitter). I dati personali che vengono forniti sono comunque soggetti a un’autenticazione. E se si dovessero verificare dei danni in casa ? I proprietari sono dotati di un’assicurazione che li tutela da eventuali danni arrecati alla casa o agli oggetti.

Vi sono dei consigli da dare al proprietario. Mettere il proprio annuncio in notevole anticipo rispetto alla sua data di partenza in modo da avere tutto il tempo necessario, senza fretta, per selezionare l‘house sitter. Specificare nel dettaglio cosa deve fare la persona che alloggerà nel suo immobile, sia per quanto riguarda la casa che per un eventuale animale domestico. Cancellare l’annuncio quando è stato trovato l’house sitter. Per chi invece si candida come “custode” della casa, i consigli sono di creare un profilo il più rassicurante possibile: deve essere sincero, nella sua valutazione, ma soprattutto è importante che l’house sitter legga bene quello che il proprietario chiede, in modo da sapere se può soddisfare al 100% le sue richieste.

Impostazioni privacy